Infatti eccoci qui, infreddoliti dai -7 che potrebbero spegnere il furore in chiunque ma non oggi, oggi si pedala sulla neve! l’abbigliamento è quello giusto e la curiosità molta, angoli suggestivi che sanno riempire l’animo di sentimenti positivi ci attendono.  L’obbiettivo di giornata è il rifugio Maria Luisa. Ultimo avamposto di una civiltà silenziosa che cerca la tranquillità e le emozioni nel silenzio. Gestito dal CAI di Busto Arsizio, questo edificio aperto anche nel periodo invernale, può essere un caldo abbraccio nelle giornate gelide, oppure punto di ristoro per le membra stanche dopo ore di fatica. Sono molte le persone che scelgono In estate la gippabile più volte percorsa in MTB, ma come sarà la versione invernale?

FANTASTICA. Non ci sono altre parole per descrivere le sensazioni provate galoppando sui cuscini d’aria delle Fat. Lo scricchiolio delle ruote sulla neve battuta durante un breve ‘riscaldamento, ’ ci dice che la trazione è ottima, le condizione del manto nevoso perfette e la giornata si preannuncia di quelle positive. Breve salita verso la diga di Morasco che nasconde un segreto silenzioso, infatti sotto la spessa lastra di ghiaccio, sul fondo del lago, dorme ormai da decenni un vecchio agglomerato di case, abbandonato per far spazio al progresso e alla corrente elettrica.

Giunti alla diga osserviamo la valle sotto di noi, la caratteristica chiesetta di Riale svetta solitaria, posizionata su di un piccolo promontorio, sembra quasi voler proteggere le case dalla diga e dalla sua forza dirompente. Giriamo le bici e ci lanciamo nella prima discesa di giornata. La sensazione di fiducia che queste bici danno sulla neve è totale, subito ci dimentichiamo che sotto i gommoni scorre un serpente bianco che farebbe sprofondare le normali bike. A ricordarci che non è terra quella su cui ci stiamo muovendo arrivano le prima curve, pur avendo un buon comportamento il fondo è scivoloso e instabile e ci consiglia più prudenza. Tornanti in derapata e rilanci tipici della Dh ci spingono rapidamente sul piano, attraversiamo il piccolo abitato e ci portiamo verso la vera salita di giornata.  Obbiettivo Maria Luisa.segue