LA COLLA

La discesa della colla è una P.S. di tutto rispetto, il lavoro di Nini e Marianna è stato encomiabile, sono riusciti a tracciare un sentiero laddove non esisteva. Lo hanno fatto in modo non invasivo, quindi non ci sono panettoni, doppi e sessioni di gobbe tirate a lucido, ma qui si troviamo dossi, radici anticipi Killer e tutto quello che fa la gioia di ogni endurista

All’arrivo dell’ovovia si sale di pochi metri e si segue un sentiero in costa per 10’ circa guidati dai segnali blu indicanti una bici. Si arriva in un prato costellato di casette e baite in sasso, manca solo che arrivi Heidi e che le caprette ti facciano ciao, per essere proiettati in una dimensione fantastica. Un panorama mozzafiato abbraccia un ampio anfiteatro, a desta la partenza della Colla, a sinistra il sentiero prosegue per il giro della Colma.

 

La colla parte da qui, pratoni con lieve pendenza e baite a fare da spettatori, un minutino così poi ci si tuffa nel bosco…e inizia il divertimento, un percorso bello da fare e rifare, un paesaggio che solitamente vediamo nei video migliori e ci fanno venir voglia di prendere la bici e andare. Il percorso è lungo, attorno agli otto minuti andando allegri, un po’ di più in modalità escursionismo. Il tutto termina sulla strada asfaltata, in pochi minuti si torna all’ovovia, che nel mese di agosto avrà ha corse orarie e una pausa fra le 12 e le 13.30.segue