IL MADE IN ITALY A PROTEZIONE DELLA NOSTRA TESTA

 

Abbiamo avuto modo di testare i caschi della collezione 2016 di Limar, marchio italiano che da 30 anni è leader nel settore ciclistico. Tutti i prodotti sono disegnati e progetti in Italia. Limar inoltre è uno dei pochi produttori a vantare tre standard di sicurezza internazionali.

Ma andiamo a vedere nel dettaglio i caschi testati per voi:

888 CL, 848 DR e DH 5 carbon sono sicuramente i caschi di limar più diffusi nel settore all mountain e gravity.

 

888 CL: è sicuramente il più leggero del lotto, orientato ad un pubblico che non disdegna qualche puntatina nelle maraton. Costruito con tecnologia double sheel in mould, consta di 23 prese d’aria.

In testa la leggerezza si percepisce, ma ciò nonostante risulta ben avvolgente e le regolazioni permettono di adattarlo alle esigenze del biker, le ampie bocche di areazione fanno il loro dovere, lasciando la testa fresca anche dopo diverse ore di utilizzo. Personalmente apprezzo la grafica minimalista e la cura dei dettagli, ma sarebbe stato opportuno prevedere qualche personalizzazione in più sulle livree. Per gli amanti delle riprese video la piastra posizionata nella parte apicale del casco risulterà un utile optional

848 DR, è il casco da all mountain, avvolgente e protettivo sulla parte della nuca ma comunque ben areato, costruito con tecnologia mono sheel in mould, ha 16 prese d’aria. Anche in questo caso un casco dalle ottime doti di vestibilità e leggerezza per il tipo di utilizzo. L’orientamento più funny del casco si nota soprattutto dalla ampia disponibilità di colori, capaci di soddisfare anche i gusti e le esigenze dei più modaioli fra i biker. Anche i caschi curati hanno però qualche piccolo difetto, infatti essendo un casco destinato ad un utilizzo più strong, sarebbe stato opportuno prevedere un gancetto nella parte posteriore, capace di fermare meglio la mascherina, utile quando le velocità aumentano. Inoltre la visiera risulta un po’ bassa limitando così la visuale se si utilizzano gli occhiali tradizional

Dh 5 Carbon, l’ammiraglia di casa Limar. Questo è il casco per i cuori impavidi del mondo gravity, un casco con un livrea personale che spicca e si fa notare ,una struttura full carbon costruita con la tecnologia composite fusion plus. Un procedimento che integra la calotta esterna con quella EPS, utilizzando coni di densità differente che permettono una maggiore deformazione e quindi un migliore assorbimento degli urti.

Non bisogna lasciarsi ingannare dalla leggerezza, questo casco una volta indozzato dona una sensazione di protezione assoluta, qui l’aspetto confort è relativo, infatti la struttura avvolgente riduce un po’ la comodità, ma è stato pensato per proteggere la parte più importante del corpo nelle discese più esteme, quindi bene così