l'allenamento dei pro

I segreti dei pro

Come si allenano i pro dell’enduro? Questa è una delle domande che mi vengono fatte più sovente. Bisogna subito dire che un professionista può dedicare la maggior parte del tempo all'allenamento, quindi per chi invece si può allenare solo nei ritagli è impossibile poter seguire un loro piano di lavoro.

Ma proviamo ad andare più nello specifico affermando che il lavoro invernale è molto  articolato, spesso si diversificano i metodi di allenamento, inserendo la corsa, il nuoto e la palestra. In alcuni casi anche lo sci di fondo o quello alpinistico vengono inseriti nel piano di preparazione. Questo per garantire un buon piano di allenamenti cercando anche di staccare dal punto di vista mentale.

Quindi si lavora in palestra per l’irrobustimento muscolare, con esercizi di resistenza per mantenere un ottima capacità aerobica, il tutto senza dimenticare la tecnica di guida e il feeling con la bici. Pump track e giornate di enduro servono a mantenere le doti di guida e migliorare la dove ci si ritiene lacunosi

 

L’inverno dei lupi

Come si allenavano i pro durante l’inverno? Questa è una domanda che molti biker si fanno spesso. Allora proviamo a svelare alcuni segreti dei più forti rider nazionali dell’enduro.

Denny Lupato nella stagione scorsa ha lasciato da parte la bici per un o’ di tempo dedicandosi in modo particolare alla camminata in montagna e alla palestra. Questo perché era necessario un periodo di sospensione per lasciare riposare la mente e staccare così dopo una stagione intensa. Il fratello Alex invece non riesce proprio a scendere dalla sella e ha continuato a pedalare abbinando però un buon lavoro in palestra. Quindi la palestra è sicuramente un’attività che i due forti rieder di Coggiola utilizzano in inverno.

Quando le giornate sono troppo rigide o piovose i due fratelli fanno un salto in piscina, un buon lavoro con il nuoto diventa utile per irrobustire la schiena e per garantire resistenza alla muscolatura degli arti superiori

Per finire i lavori di tecnica, Alex quest’inverno ha deciso di lavorare in modo particolare sui salti per aumentare la confidenza con la bici.

 

In sella con Raimondi

Vediamo invece cosa sta facendo Raimondi per preparare la prossima stagione. Dopo l’infortunio estivo che lo ha tenuto lontano dalle gare per molto tempo la fame di bici è stata molo forte e quindi ha  preferito continuare a pedalare con lunghe uscite fatte in tranquillità per ritrovare le capacità aerobiche necessarie a sostenere una lunga stagione di gare. L’anno precedente aveva ridotto il lavoro in palestra, mentre quest’anno lo ha incrementato per strutturare meglio il suo corpo e riuscire a controllare la bici in ogni situazione. Teo in questa stagione ha voluto aggiungere anche alcune uscite di corsa da abbinare al lavoro di potenziamento, così da riuscire ad incrementare ancora di più la componente aerobica.